Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta il link Per saperne di piu'

Approvo

Stefano Sub di Mennucci Stefano - Banchina IV novembre 57036 Porto Azzurro
P.I : 01777030493
Tel. +39.380.5042063 - Email: info@stefanosub.it

Punta delle Cannelle

  • punta-delle-cannelle
Sito d'immersione adatto a tutti per la facilità di orientamento e la possibilità di visitare questa secca a tutte le profondità dai 15 ai 45 metri. A circa 20 minuti di barca da Porto Azzurro direzione nord-est raggiungiamo punta delle Cannelle. Qui ormeggiamo sulla boa e scendiamo lungo la gomena per raggiungere i 12 mt.

Guardando a est si aprirà ai nostri occhi una sella grandissima, che via via sprofonda nel blu. Scegliamo di tenere la parete a destra ed iniziamo la nostra navigazione, siamo a 15 mt. e di fronte a noi si intravede una spaccatura a 20mt dove in primavera sono sempre presenti le corvine. Superata la tana ci immettiamo dentro il canale che evidenzia la parete, siamo ormai vicini ai 30mt. ed ai nostri occhi si apre uno spettacolo meraviglioso, staccato nel blu c'e' un grosso scoglio rotondo ricoperto di GOROGONIE ROSSE (PARAMURICEA CLAVATA) il cappello e' a 35mt. mentre la base è a 42mt. Vi sono momenti in cui la visibilità è perfetta e le gorgonie sono completamente aperte, questo renderà la nostra immersione indimenticabile.

Lasciato lo scoglio punteremo nuovamente la parete per continuare la nostra esplorazione, mantenendola sempre a destra, direzione ovest continueremo a navigare nella prateria di GORGONIE ROSSE, qua e la piccole ARAGOSTE, GRONGHI E MUSDEE. Ormai agli sgoccioli con il tempo di fondo ci rimane da vedere la mina che, staccata dalla parete, e' appoggiata sulla sabbia a 45mt. E' ora di iniziare a risalire per raggiungere una piccola parete a 31mt. che merita una sosta per osservare le margherite di mare (PARAZOANTOS AXINELLE), e piccole aragoste, navighiamo ancora verso ovest tenendo sempre la parete a destra per raggiungere a 19mt. due PINNE NOBILIS (specie protetta).

A questo punto dopo pochi minuti di navigazione ci troveremo sulla punta ovest della nostra secca. Sopra un letto di poseidonia in condizioni di corrente potremo notare guardando nel blu qualche DENTICE o BARRACUDA. A questo punto ci lasceremo trasportare dalla corrente girando, direzione est. Tenendo a sinistra la costa e a destra la secca navigando in un canale sabbioso a 11mt. potremo scorgere branchi di SARAGHI FASCIATI e qualche piccola CERNIA. Siamo arrivati al punto di ormeggio pronti per la nostra sosta di sicurezza.

Powered by Infoelba